Invidia? Non ti temo! Ecco i miei 5 “salvapensieri”

Diario di una lookmaker: l’abito dei sogni
marzo 23, 2017
How To Be Beyouty: tanti ricci pochi capricci
aprile 12, 2017
Show all

Invidia? Non ti temo! Ecco i miei 5 “salvapensieri”

invidia? No grazie

Invidia, negatività… Come salvarsi?

C’è chi getta il sale grosso negli angoli o chi alle spalle, chi tocca ferro, chi indossa gli slip al contrario oppure chi viaggia con il famosissimo “cornuciell”. Abitudini o credenze che ci hanno fatto crescere ed, effettivamente, pensare che dietro ad una miriade di complimenti, a volte, si nasconde anche un briciolo di invidia o una sottile cattiveria. Si sa, quando la volpe non arriva all’uva dice che è acerba e tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino, detti popolari che tanto sbagliati non sono.

Se ci pensate, nella vita di tutti i giorni, ci troviamo di fronte a persone pronte a mettervi uno sgambetto solo per il semplice fatto che loro, in primis, non hanno raggiunto quell’obiettivo prefissato, a differenza vostra che avete tagliato il traguardo. C’è quel collega che è pronto a suggerirti un’informazione sbagliata, l’altro che dispensa sorrisi e poi ti pugnala alle spalle con l’intento di metterti in cattiva luce, credendo così di prendere in mano la situazione da vittorioso.

 

Ma quanto vale una vittoria conquistata così?

Invidia? no grazie

La “lookmaker del cuore”, così definita e orgogliosa di esserlo, non usa riti scaramantici per arrivare sana e salva a fine giornata ma per la vita si è prefissata degli obiettivi, dei “salvapensieri” da tenere sempre ben in mente.

Ti salvi praticando ogni giorno chi sei, restando fedele a te stesso, a ciò che desideri essere. Sii l’eccezione non la regola: semplice restituire le cattiverie e trascendere a far peggio. Il tuo valore come essere umano risiede nel salvaguardare la parte bella e positiva di te. Fa un bel respiro, allontana la rabbia e sorridi. Non c’è risposta migliore dell’indifferenza e della gioia.

Ti salvi stimandoti, dando valore ai tuoi sacrifici, al tempo che togli agli affetti più cari per raggiungere i tuoi obiettivi ed alla forza di ciò che di buono si può lasciare su questa terra. Amati, credi in te. Prima di riuscire ad amare gli altri devi amare te stesso. Devi volerti bene. Solo così troverai quell’equilibrio interiore che farà scivolare sulla tua pelle ogni cattiveria che imbruttisce solo chi la fa.
Ti salvi grazie alla tua Competenza: sii sempre preparato, formati per divenire l’eccellenza del settore che hai scelto. La capacità di eccellere solleverà numerose invidie. Tanti nemici, tanto onore! Sii orgoglioso di essere al centro dell’attenzione altrui. Vuol dire che sei sulla strada giusta.

Ti salvi quando sei portatore sano di gioia. Avere un animo propositivo ed accogliente farà avvicinare non solo chi vuol approfittare della tua buona fede ma soprattutto chi è simile a te, che RESTA, entrando a far parte della tua famiglia. Le persone cattive sono aride e dotate di una scarsa capacità di empatia e sensibilità pertanto si allontaneranno in automatico. L’empatia è un valore inestimabile che, nonostante in alcuni momenti sarai ferito, mai dovrai pentirti di avere e coltivare.

Ti salvi perché sei unico: non bisogna avere paura delle copie, anzi! Se provano ad imitarti, sii soddisfatto. Essendo l’originale, resterai sempre il punto di riferimento.
La vita è così breve e così bella! Perché sprecarla incattivendosi? Le cattiverie gratuite sono inutili. Tanto si sa! Chi ti conosce, non solo come professionista ma anche e soprattutto come persona, lo sa. LO VEDE con gli occhi del cuore. LO SENTE. Perché la verità della persona che sei arriva senza fare alcuno sforzo!

 

Sono i furbi, i maliziosi, i livorosi a doversi continuamente sforzare per costruire fasulle identità senza sapere che, purtroppo, prima o poi si ritrovano ad essere vittime della loro invidia e cattiva fede!

Della serie “non è vero ma ci credo” intanto, su consiglio di alcuni, faccio corna.

Tiè! invidia vai viabeyouty

Francesca Beyouty
Francesca Beyouty
In tenera età il capello riccio già dominava il mio capo, le perle di mia madre erano già al collo, mettevo di nascosto il rossetto e il fucsia era divenuto già il mio colore preferito...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *